Comunicati

Celano (CS): il Movimento San Isidro. Una sorta di Maidan in chiave anti-cubana

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

di Maddalena Celano, responsabile esteri

 

Gli yankee si intromettono a sostegno delle loro pedine a Cuba

 

Il governo degli Stati Uniti persiste nella sua interferenza negli affari interni di Cuba, persiste nel sostenere i mercenari che servono come pedine dell'Impero all'interno dell'isola.

Ciò è stato evidenziato in una dichiarazione del Dipartimento di Stato, e che pubblichiamo come denuncia affinché l'opinione pubblica nazionale e internazionale sia consapevole del sostegno alla sovversione nell'isola.

Si tratta di una dichiarazione di rilascio immediata, per i manifestanti di San Isidro, redatta dal portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti del Segretario di Stato Michael R. Pompeo, del 24 novembre 2020.

La dichiarazione afferma quanto segue: “Il governo degli Stati Uniti condanna fermamente gli atti di molestia da parte del regime cubano contro gli attivisti che stavano manifestando pacificamente a causa dell'incarcerazione del difensore dei diritti umani, Denis Solís González. Esortiamo il regime cubano a respingere questa ingiusta sentenza e ordinare il suo rilascio incondizionato. Il regime ha più volte agito contro il signor Solís González, musicista di professione e membro del Movimento San Isidro (MSI), per aver esercitato la sua libertà di espressione denunciando le violazioni dei diritti umani che continuano a essere commesse a Cuba. Il 9 novembre, i funzionari del regime hanno arrestato Solís, lo hanno tenuto in isolamento per tre giorni e poi lo hanno improvvisamente condannato a otto mesi di carcere con l'accusa non plausibile di "disprezzo".

Celano (CS): nuove e gravi provocazioni contro l’Iran. Assassinato lo scienziato Mohsen Fakhrizadeh

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

di Maddalena Celano, responsabile esteri

Questo 27 novembre 2020, è stato assassinato Mohsen Fakhrizadeh, fisico iraniano, nei pressi della capitale iraniana. Mohsen Fakhrizadeh era un professore di fisica, presso l’Università Hussein di Teheran ed era il direttore dell’Organizzazione per la Ricerca e l’Innovazione della Difesa del Dicastero Militare Iraniano.

Convergenza Socialista celebra la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

di Maddalena Celano, responsabile esteri

Celebriamo questa giornata con l'intervista al Coordinatore Generale del Museo Manuela Sáenz di Quito, uno dei primi Musei, al mondo, dedicati ad una donna rivoluzionaria e proto-femminista.

Celano (CS): le sanzioni contro il Venezuela sono un atto di genocidio contro la popolazione civile

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

di Maddalena Celano, responsabile esteri

Convergenza Socialista condanna in modo assoluto e deciso le sanzioni contro il Venezuela.

Le sanzioni contro il Venezuela rappresentano una vera e propria guerra contro la popolazione venezuelana. Le sanzioni unilaterali imposte al Venezuela dal governo degli Stati Uniti, dall'agosto 2017, hanno avuto come impatto la riduzione  dell'apporto calorico alimentare  nella popolazione e l’aumento di malattie e mortalità (sia per gli adulti che per i minori).

Celano (CS): scoppia la guerra nel Sahara occidentale. Il Marocco rompe il cessate il fuoco

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

di Maddalena Celano, responsabile esteri

Convergenza Socialista chiede il cessate il fuoco. Convergenza Socialista chiede la protezione di una minoranza etnica, quella saharawi, tra le più vessate e perseguitate in questi ultimi decenni. Civili e pacifici manifestanti saharawi sono stati attaccati dall’ esercito marocchino.

Il Fronte Polisario, questo 8 novembre 2020, ha dichiarato guerra al Sahara Occidentale, nel bel mezzo di una grande tensione a El Guerguerat.

Il segretario generale del Fronte Polisario ha dichiarato lo stato di guerra, in tutta la Repubblica Saharawi, nel bel mezzo di una escalation con il Marocco, che ha attaccato El Guerguerat, regione che, sebbene controllata dal movimento saharawi, opererebbe “illegalmente” (a detta del governo Marocchino) come valico di frontiera tra i territori occupati dal Marocco e la Mauritania.
Inoltre, sarà introdotto il coprifuoco in tutto il Paese, nei campi profughi saharawi e nei territori liberati del Sahara Occidentale.

Bolivia. Messaggio del Partito Comunista di Aotearoa (Nuova Zelanda) a Convergenza Socialista per la vittoria del MAS

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Un messaggio speciale per tutti noi di Convergenza Socialista da parte del Partito Comunista della Nuova Zelanda. In italiano e in inglese.

In italiano
Cari compagni,
Dato che Luis Arce ha ufficialmente prestato giuramento come Presidente dello Stato Plurinazionale della Bolivia, notiamo non solo la lunga lotta del popolo e dei movimenti sociali boliviani che ha permesso loro di riprendere il potere in questo modo, ma il ruolo di Convergenza Socialista nell'organizzazione e nella mobilitazione della solidarietà internazionale delle forze antimperialiste e socialiste. L'America Latina è un regno importante per la solidarietà e l'amicizia tra i popoli, e quindi apprezziamo questo impegno e questa leadership.

Bolivia. Celano (CS): assassinato il leader dei minatori boliviani Orlando Gutiérrez

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

di Maddalena Celano, responsabile esteri

Convergenza Socialista piange la morte del leader minerario dopo il suo assassinio. No alla strategia della tensione in Bolivia!

Come era ampiamente prevedibile, l'opposizione boliviana, vicina agli interessi USA e ai vari accoliti dell’ideologia neoliberista, non poteva assolutamente tollerare la vittoria del MAS, alle ultime elezioni presidenziali del paese andino. Fonti non ufficiali confermano la morte di Orlando Gutiérrez, presidente della Federazione sindacale dei lavoratori minerari della Bolivia, dopo essere stato ricoverato in una clinica privata dove è stato curato per lesioni alla testa, causate da un'aggressione violenta.


©2020 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Cerca