Comunicati

Elezioni politiche 2022: l’astensionismo e l’oblio della classe operaia

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Vince la destra ma vince in modo più marcato l’astensionismo. Il partito marxista-leninista, Convergenza Socialista, è consapevole di come la classe operaia, lavoratrice salariata stia attraverso una fase difficile, complicata e lontana dal ruolo storico che essa è chiamata ad assumersi da subito. Queste ultime elezioni politiche ci hanno consegnato un paese a destra e seppur al momento non conosciamo come la classe operaia si sia comportata con esattezza, possiamo assumere che la mancanza di un richiamo forte ai suoi interessi di classe per mancanza di un partito operaio vero abbia consegnato il voto alla destra nazionalista e populista, atlantista, falso sovranista e filo-NATO. Seppure la destra abbia dominato, il consenso rimane marginale tenuto conto che mai così pochi cittadini nella storia della Repubblica abbiano votato per le politiche: il 63,91% degli aventi diritto. In netto calo, di 9 punti percentuali, rispetto al 73,01% delle elezioni politiche del 2018.

Rimane il fatto, certo, che le operaie e gli operai rimangono emarginati dalla storia.  

La classe operaia non ha punti di riferimento, non ha una guida. E’ orfana da troppi decenni di un suo partito politico, di una sua avanguardia, ovvero di un partito marxista-leninista in grado di guidarla efficacemente verso la propria emancipazione reale. Convergenza Socialista vuole essere questo partito nella consapevolezza che lunga sarà la strada verso l’acquisizione di una coscienza di classe collettiva, verso il socialismo.

Non essendoci però oggi una guida, un reparto avanzato, cosciente, organizzato della classe operaia, non può esserci una classe operaia nel complesso rivoluzionaria, ed è per questo motivo che le operaie e gli operai vengono facilmente attratti dalla pancia del paese, nella completa incapacità di usare la testa affinché si raggiungano precisi interessi di classe. I loro interessi di classe.

Le operaie e gli operai hanno bisogno del loro partito; hanno bisogno di noi. Seppur Convergenza Socialista sia un partito in divenire, in evoluzione, incorpora già quelle che sono le direttrici fondamentali lungo le quali l’avanguardia della classe operaia sarà costruita: l’educazione dei rivoluzionari e la loro organizzazione. In effetti, è proprio la mancanza del partito, la mancanza della sua guida teorica e del suo impianto organizzativo, che ha consegnato definitivamente la classe operaia alla confusione e all’oblio, alla destra. La classe operaia oggi non è più capace di comprendere il proprio ruolo storico all’interno della società capitalistica. Il nostro ruolo è quello di facilitare tale comprensione nelle fabbriche, nei luoghi di lavoro.

Convergenza Socialista

Supportiamo i referendum delle Repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il partito marxista-leninista, Convergenza Socialista, supporta e accoglie favorevolmente l’annuncio dei referendum che si terranno nelle Repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk (LPR e DPR) entro la fine di questa settimana per l’unificazione con la Federazione Russa. Inoltre, Convergenza Socialista è favorevole affinché i territori controllati dalla Federazione Russa delle vicine regioni di Zaporozhye e Kherson votino a partire da venerdì per l’unificazione con la Russia. Auspichiamo che più regioni, inclusa Odessa, un giorno avvieranno l’unificazione alla Federazione Russa.

L’Instituto Cubano de Amistad con los Pueblos riceve Convergenza Socialista

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Un importante scambio è avvenuto, tra il 24 agosto 2022 e il 26 agosto 2022, tra i rappresentanti dell’ICAP (Instituto Cubano de Amistad con los Pueblos) e della classe operaia di Pinar del Rio (Cuba) e Maddalena Celano, responsabile esteri di Convergenza Socialista, partito marxista-leninista. Il primo incontro è stato presieduto da Saimary Gato Díaz, membro del Segretariato Provinciale del CTCuba (il sindacato dei lavoratori più grande e importante di Cuba), i delegati dell'ICAP e Maddalena Celano. Presenti anche i quadri della Direzione Provinciale del CDR (Comitati in Difesa della Rivoluzione).

Gorbaciov: addio all’ultimo dei traditori del popolo sovietico

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il partito marxista-leninista, Convergenza Socialista, ha sempre considerato Gorbaciov come l’ultimo dei traditori dell’Unione Sovietica e del popolo sovietico. Quinta colonna del capitalismo, aperto revisionista e opportunista, agente della borghesia atlantista dentro il movimento operaio sovietico, legato a doppio filo con il grande capitale monopolistico, imperialista, Gorbaciov ha di fatto concluso il percorso controrivoluzionario avviato da Krusciov.

Solidarietà e sostegno politico alla Repubblica Popolare Democratica di Corea

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il partito marxista-leninista, Convergenza Socialista, dichiara in modo netto e inequivocabile la propria solidarietà e il proprio supporto politico alla Repubblica Popolare Democratica di Corea e al suo popolo, al Partito del Lavoro di Corea e al suo Segretario Generale Kim Jong-un, attaccati dai vicini sud-coreani, dai nemici del socialismo, i quali continuano ad istigare e sabotare con sotterfugi e strumenti di natura batteriologica le conquiste della società socialista nord-coreana, lontana ormai anni luce dalla barbarie capitalistica.

Inizia la campagna elettorale: dentro il lavoro, fuori NATO e Unione Europea

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Inizia la campagna elettorale all’indomani della dipartita, sperata e avvenuta, del banchiere Draghi. Ciò naturalmente non cambia l’ordine delle cose dato che a Draghi, esponente di spicco dell’imperialismo atlantista, subentrerà qualcun altro altrettanto atlantista e succube del capitalismo monopolistico in putrefazione. Letta, Salvini, Meloni, e tanti altri, appartengono a questa categoria politica. I lavoratori comprendono che le sovrastrutture politiche quali l’Unione Europea e la NATO non sono altro che appendici appunto politiche di potenze economiche capitalistiche che guidano, grazie al lavoro dei loro servi in politica, paesi quali Stati Uniti e Regno Unito. Per avviare politiche di emancipazione della classe operaia, anche in una società capitalistica quale quella italiana, è assolutamente necessario liberarsi di queste appendici che fanno gli interessi materiali del capitalismo monopolistico e atlantista, e sicuramente non dei lavoratori in Italia.

Convergenza Socialista difende le operaie e gli operai

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Convergenza Socialista è un partito politico di lavoratrici e lavoratori salariati, di operaie e di operai. Operaie e operai che tutti hanno ormai dimenticato.

Tutti vi hanno dimenticato! Tutti ci hanno dimenticato!

Non si parla più di operai. Gli operai sembrano scomparsi dalle notizie dei telegiornali, dei giornali, dalla televisione.

©2022 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Cerca