Comunicati

Il nuovo saggio di Manuel Santoro in libreria: “Socialismo, la società superiore”. Porto Seguro Editore

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

È uscito in libreria il nuovo saggio sul socialismo edito da Porto Seguro Editore. Il saggio dal titolo “Socialismo, la società superiore” segue quanto trattato nel “Il Manifesto del Socialismo”, pubblicato dallo stesso autore nel 2020. In questo ultimo lavoro il socialismo viene trattato in profondità in quanto società successiva, prossima, e quindi superiore rispetto al capitalismo, ma prima di arrivare a ciò, il manoscritto inizia il suo viaggio dalla storia non scritta, storia che appartiene alle tribù, alle gens primitive, comunistiche e matriarcali. L’evoluzione di queste prime comunità è precisa e sempre legata alla produzione dei beni di sussistenza, e qualsiasi evoluzione storica rimane una evoluzione della produzione. Dalle comunità comunistiche e matriarcali si transita alla società antica patriarcale in cui regna la proprietà privata dei mezzi di produzione; difatti è storicamente provato che il patriarcato sia il frutto della proprietà privata dei mezzi di produzione. La prefazione al manoscritto ci rivela in moco chiaro che “nell’evoluzione della storia scritta dell’umanità in cui si è transitati dalla società antica a quella feudale sino alla società capitalistica dei nostri giorni, con più o meno estremizzazioni e sfaccettature, vi sono stati netti, cruenti sbalzi in avanti nella maturazione delle forze produttive le quali, stanche di essere incatenate in obsoleti rapporti di produzione, ne hanno modificato le relazioni causando l’avanzamento storico e positivo della storia. Il susseguirsi delle società nella storia non scritta, prima, e scritta, dopo, è stato e sempre sarà un’evoluzione positiva e migliorativa della produzione poiché ogni società è l’insieme dei rapporti sociali di produzione che corrispondono a determinati gradi di sviluppo delle forze produttive. In definitiva, il passaggio da una tipologia di società a un’altra è stato sempre legato e determinato dal cambiamento radicale della produzione dei beni di sussistenza, e spiegare che una società è in essenza produzione, non isolatamente distribuzione, rimane il cuore e l’anima di questo manoscritto.”

Elezioni in Cile: sosteniamo Eduardo Artés dell’UPA e del PC (AP)

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La lotta continua sino al Socialismo in Cile!
Il nostro partito Convergenza Socialista firma la dichiarazione internazionale in sostegno al candidato dell’Unión Patriótica (UPA) e del PC(AP), Eduardo Artés-Brichetti, per le imminenti presidenziali in Cile. 
La dichiarazione, sotto riportata, è in inglese e in spagnolo con le firme di tutte le organizzazioni e di tutti i partiti politici.

La forza è sempre di chi lavora. E i portuali sono la categoria più cosciente

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La forza è dalla parte delle lavoratrici e dei lavoratori, ed è sempre stato così. Se solo i lavoratori riuscissero ad acquisire un minimo di coscienza di classe, farebbero grandi cose per loro stessi e per milioni di donne e di uomini. Contro la prepotenza della borghesia; contro Governi incompetenti e collusi con i poteri forti e gli industriali. Dopotutto, Marx, Engels e Lenin ci hanno sempre insegnato che il destino dei lavoratori è negli stessi lavoratori, non in altri. Avanti allora con la lotta di classe. 

Sciopero generale: un’importante giornata di lotta

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Finalmente una giornata di lotta e di sciopero in tutto il Paese. Finalmente un atto dovuto da parte delle lavoratrici e dei lavoratori contro il Governo del banchiere Draghi; un Governo che assolutamente non fa gli interessi della classe lavoratrice. Un Governo che cerca in tutti i modi di bloccare il Paese creando un clima di odio e fomentando una guerra tra poveri. Noi di Convergenza Socialista esortiamo le lavoratrici e i lavoratori, le compagne e i compagni, a continuare questa lotta, a focalizzarsi sulle lotte sul lavoro, per il lavoro, sull’”Insorgiamo”, che ha una minima speranza di diventare lotta cosciente di classe.

Siamo il partito delle lavoratrici e dei lavoratori, avversario di opportunismi, riformismi e revisionismi del marxismo-leninismo

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

In queste settimane si sono svolte e si svolgeranno importanti iniziative da parte delle lavoratrici e dei lavoratori contro la prepotenza e l’arroganza della classe dominante, di Confindustria e di un Governo, d’altronde come tutti i governi borghesi, leccapiedi dei padroni. Una spinta importante è stata data dai lavoratori della GKN e lo slogan “insorgiamo” sta facendo convergere altre lotte, tanti altri lavoratori in lotta in altri luoghi, contro altri padroni.

Dichiarazione internazionale in solidarietà con Cuba socialista

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Se si tocca Cuba, il mondo si alzerà

Il nostro partito Convergenza Socialista firma la dichiarazione internazionale in sostegno di Cuba. I sottoscritti partiti politici popolari antimperialisti, da diverse parti del mondo, alzano la voce per esprimere la solidarietà al popolo cubano e al governo presieduto da Miguel Díaz-Canel, di fronte al blocco americano e alla campagna di aggressione che la Cuba socialista sta subendo da decenni.

L’aumento della bolletta elettrica è il segnale di un Governo dei forti e dei peggiori

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

“Secondo il ministro della transizione ecologica, Roberto Cingolani, il prossimo trimestre la bolletta elettrica aumenterà del 40% dopo l’aumento del 20% nello scorso trimestre”, commenta Manuel Santoro, segretario generale di Convergenza Socialista. “E mentre il Paese va al macero e la classe lavoratrice si impoverisce, il governo Draghi dorme quando siamo di fronte ad una crisi profonda e decennale del nostro "bel" Paese piccolo borghese, con Confindustria che guida l’assalto alla massimizzazione della schiavitù con la minimizzazione del salario.”

©2021 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Cerca