Comunicati

Colpo di Stato in Bolivia. Convergenza Socialista si unisce al coro di condanna internazionale

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Convergenza Socialista si unisce al coro di condanna internazionale del colpo di Stato contro Evo Morales in Bolivia. Convergenza Socialista si unisce ai diversi presidenti, vicepresidenti e leader sociali latino-americani che hanno parlato attraverso i social network, nonché diversi referenti del peronismo. É intervenuto anche Papa Francesco, Nicolás Maduro, Miguel Díaz-Canel, Cristina Fernández de Kirchner, Lula da Silva, Nicolás Maduro, Ivan Duque e Alberto Fernández.

Governi, ex leader, leader sociali e politici di diversi paesi hanno condannato questa domenica il colpo di Stato in Bolivia che è culminato nelle dimissioni dell'ormai ex presidente Evo Morales.

Domenica scorsa, la vicepresidente argentina Cristina Fernández de Kirchner ha affermato che "se vogliamo vivere in pace" nella regione "è tempo di dichiarazioni e, soprattutto, di azioni chiare in difesa della democrazia".

In una serie di tweet, l'ex capo di Stato ha fatto riferimento alla decisione di Morales di dimettersi dalla sua posizione, di fronte alla crisi politica in Bolivia. "In Bolivia, manifestazioni violente senza alcun tipo di limitazione da parte delle forze di polizia, hanno dato fuoco alle case e rapito le persone mentre le forze armate" suggeriscono "chiedono le dimissioni al presidente indigeno e popolare Evo Morales", ha detto.

Evo Morales si è dimesso dalla presidenza, ha denunciato il colpo di Stato e la polizia gli ha ordinato di fermarsi.

"In Cile, massicce mobilitazioni per settimane richiedono le dimissioni del presidente neoliberista Sebastián Piñeira e delle Forze armate e la polizia reprime brutalmente. La questione della Bolivia si chiama colpo di stato ..." ha continuato. "Se vogliamo vivere in pace, è tempo di dichiarazioni e, soprattutto, di azioni chiare in difesa della democrazia, indipendentemente dall'orientamento politico dei governi che derivano dalla volontà popolare", ha concluso la vicepresidente eletta.

Anche il presidente eletto dell'Argentina, Alberto Fernández, ha descritto la situazione in Bolivia come un colpo di stato. "In Bolivia, un colpo di stato è stato portato a termine a seguito delle azioni congiunte di civili violenti, personale di polizia autocentrato e la passività dell'esercito. È un colpo di stato contro il presidente @evoespueblo, che aveva richiesto un nuovo processo elettorale", ha scritto Fernández su twitter.

Da parte sua, il governo colombiano ha richiesto una "riunione urgente" del consiglio permanente dell'Organizzazione degli Stati americani (OAS) domenica per “trovare soluzioni alla complessa situazione istituzionale che viene presentata nello stato plurinazionale della Bolivia”. Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha affermato che le accuse di frode alle elezioni in Bolivia hanno portato domenica alle dimissioni del presidente Evo Morales, mentre l'ex governatore di sinistra Luiz Inacio Lula da Silva afferma che si tratti chiaramente di un "colpo di stato". "Le accuse di frode alle elezioni sono culminate nelle dimissioni del presidente Evo Morales. La lezione che rimane per noi è la necessità, in nome della democrazia e della trasparenza, del conteggio dei voti, cosa che può essere verificata", ha scritto su Twitter l’ex Presidente brasiliano.

Per Bolsonaro, ex capitano dell'esercito brasiliano, di 64 anni, "il voto stampato è un segno di chiarezza per il Brasile". L'opinione di Bolsonaro è diametralmente opposta a quella dell'ex governatore di sinistra Luiz Inacio Lula da Silva, che venerdì lasciò la prigione grazie a una sentenza della Corte Suprema di Giustizia. "È un peccato che l'America Latina abbia un élite economica che non sa convivere con la democrazia e l'inclusione sociale dei più poveri", ha aggiunto Lula.

Anche il leader laburista Jeremy Corbyn ha condannato il colpo di stato contro Evo Morales. "Condanno questo colpo di stato contro il popolo boliviano e sostengo con loro democrazia, giustizia sociale e indipendenza", ha affermato.

Nella preghiera dell'Angelus, in Piazza San Pietro, in Vaticano, Papa Francesco ha chiesto di pregare per la situazione che sta attraversando la Bolivia.

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha condannato domenica quello che ha definito un "colpo di stato" contro il suo omologo boliviano, Evo Morales. "Condanniamo categoricamente il colpo di stato contro il fratello presidente @evoespueblo", ha scritto il presidente venezuelano sul suo account Twitter.

"I movimenti sociali e politici del mondo si dichiarano in mobilitazione per chiedere la conservazione della vita delle popolazioni autoctone boliviane, vittime del razzismo", ha aggiunto nel tweet.

Da parte sua, il governo cubano si è anche pronunciato su quello che ha definito un "colpo di stato violento" ed ha espresso la sua solidarietà a Morales. "Il diritto al colpo di stato violento e codardo mina la democrazia in Bolivia. La nostra forte condanna del colpo di stato e la nostra solidarietà al fratello presidente Evo", ha twittato il presidente cubano Miguel Díaz-Canel.

Governatori, sindacalisti e deputati del Peronismo oggi hanno ripudiato quello che consideravano il "colpo di stato" e chiamato a "difendere la democrazia" in America Latina. "Il nostro totale ripudio del colpo di stato contro il legittimo presidente della Bolivia. Difenderemo la democrazia in ogni angolo della nostra America", ha dichiarato Twitter e vice capo del CTA Hugo Yasky.

A sua volta, il legislatore e il radicale Kirchnerista Leopoldo Moreau ha affermato che in Bolivia "erano determinati a un colpo di stato o assassinare Evo (ricordate l' "incidente" dell'elicottero qualche giorno fa?). Il motivo: appropriarsi del riserve di gas e litio. Ora più che mai rafforzare la democrazia in Argentina", ha proclamato.

Nel frattempo, il leader de La Cámpora Andrés "Cuervo" Larroque ha espresso il suo "più assoluto ripudio del colpo di stato in Bolivia; tutto il nostro sostegno e solidarietà con Evo e il popolo boliviano. È dovere di tutti difendere la democrazia e la giustizia sociale nella regione. La lotta continua", ha annunciato.

Da parte sua, il governatore del Chaco, Domingo Peppo, ha pubblicato su Twitter: "Ripudiamo il colpo di stato in Bolivia che ha portato alle dimissioni del presidente democratico e costituzionale. La mia solidarietà con lui e tutto il suo popolo".

"Evo Morales ha chiesto nuove elezioni. L'opposizione le hanno respinto e le forze armate hanno chiesto le sue dimissioni. Il totale ripudio del colpo di stato civile e militare e tutto il sostegno per Evo e la democrazia in Bolivia", ha pubblicato "Chino "Navarro, uno dei leader del movimento Evita.

I settori della sinistra colombiana hanno descritto questa domenica come "colpo di stato" la partenza dell'ufficio del presidente boliviano Evo Morales. "In Bolivia c’ è stato un colpo di stato contro un presidente eletto. Con un'ondata di violenza costringono Evo Morales a rassegnare le dimissioni. Sia chiaro! Vogliono lo stagno, l’ argento, il rame e tutta la ricchezza mineraria della Bolivia. Tornerà l’ FMI, le privatizzazioni, elimineranno i sussidi !!", ha detto l'ex attivista sociale e attivista Piedad Córdoba

Ha inoltre ricordato che durante il governo Morales il paese ha abbassato il suo tasso di povertà estrema dal 38% al 15%. "Nel 2006 la Bolivia era il paese più povero in America, era la fattoria di tre famiglie. Con Evo Morales, la povertà estrema è stata ridotta dal 38% al 15%, tutti gli indicatori sociali sono migliorati, la dignità è tornata alle comunità", ha scritto la leader sociale.

Da parte sua, il partito Common Revolutionary Alternative Force (FARC) ha dichiarato in un messaggio su Twitter che Morales "si è dimesso nel mezzo del massacro guidato dal fascista Mesa e Camacho. L'obiettivo dell'estrema destra non è quello di respingere il leader ma di respingere tutti i profitti dei lavoratori".

Mentre Gustavo Bolívar, senatore di sinistra, ha descritto quello che è successo come un “colpo di stato militare” e un “trionfo del fascismo e di Almagro dell’ OAS”.

Le dimissioni di Morales hanno fatto precipitare il paese latinoamericano in un  vuoto istituzionale che minaccia di paralizzare il suo funzionamento. Così, una settimana fa,  l'Organizzazione degli Stati americani (OAS), diretta emanazione di Washington, ha chiesto di ripetere le elezioni trovando delle irregolarità. E, sebbene Morales fosse disposto a tornare alle urne, la polizia ha rifiutato di contenere i manifestanti e l’ esercito gli ha chiesto di lasciare l'incarico, alla fine é stato costretto alle dimissioni. Questo lunedì ha inviato al Parlamento la sua lettera di dimissione: "La mia responsabilità di presidente indigeno e di tutti i boliviani è di impedire ai leader del colpo di stato di continuare a perseguitare i leader sindacali che, per me, sono come fratelli e sorelle", dice il testo.

Allo stesso modo, anche il primo vice presidente della Camera alta, Rubén Medinaceli, e i tre membri del Movimento per il socialismo (MAS), il partito di Evo Morales, hanno lasciato le loro cariche. Insomma, tutti coloro che, secondo la Costituzione, potevano succedergli.

In questo modo, in Bolivia è spuntata, questo  lunedì, dopo una  nuova notte di rivolte, un vuoto di potere che preoccupa dentro e fuori i suoi confini. Il  governo degli Stati Uniti, ad esempio, ha chiesto ai civili di riprendere il controllo della situazione: "Secondo la Carta democratica interamericana, è fondamentale che la leadership civile, nominata costituzionalmente, mantenga il controllo durante la transizione", ha detto a Efe un portavoce del Dipartimento di Stato per l'emisfero occidentale. La soluzione è complessa, poiché  dipende, in primo luogo, dall'atteggiamento adottato dal Movimento verso il Socialismo, che ha una  maggioranza dei due terzi in entrambe le case del Parlamento.

Convergenza Socialista, in quanto soggetto politico socialista e avanguardia del socialismo scientifico, è in prima linea per sostenere il Presidente Evo Morales e il socialismo, non solo in Bolivia ma in tutta l’America Latina. Convergenza Socialista lavorerà affinché in Italia e in Europa ci sia un risveglio collettivo delle coscienze in tempi brevi, che sovrasti il silenzio dilagante della politica italiana e europea e il doppiogiochismo del nostri media mainstream. Convergenza Socialista, infine, si coordinerà con tutti i soggetti politici socialisti e comunisti, anticapitalisti e anti-imperialisti italiani ed europei, per dare un segnale forte per il socialismo in America Latina.

Convergenza Socialista

Partito politico socialista, avanguardia del socialismo scientifico, per il raggiungimento della società socialista.

©2020 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Cerca