Comunicati

Le nostre ragioni teorico-politiche

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

di Manuel Santoro

Convergenza Socialista è un’organizzazione politica socialista, avanguardia del socialismo scientifico, per il raggiungimento della società socialista. In questi semplici termini si racchiude un mondo, un progetto politico in divenire e di lungo periodo. Convergenza Socialista ha, difatti, l’obiettivo politico di realizzare il socialismo in quanto sistema di società che si basa sulla proprietà comune dei mezzi di produzione e di distribuzione della ricchezza e, di conseguenza, riparte dagli insegnamenti dei grandi padri del socialismo scientifico, ad iniziare da Marx, Engels e Lenin. Per noi il socialismo è il socialismo scientifico, e il socialismo scientifico è il socialismo.

Avendo compreso la necessità storica di riavviare un discorso fondativo del socialismo, lavoriamo su tre fronti: teorico, politico ed economico. Su questo punto vale la pena di ricordare “le osservazioni di Engels sull’importanza della teoria nel movimento socialdemocratico. Secondo Engels, esistono non due forme della grande lotta socialdemocratica (politica ed economica) - come si pensa abitualmente fra noi -, ma tre, ponendosi accanto a queste anche la lotta teorica[1]. Lo strumento teorico dell’organizzazione politica è la nostra rivista: L’Ideologia Socialista, rivista teorica del socialismo.

Rifiutiamo qualsiasi tipo di opportunismo oppure di revisionismo che miri all’abbandono della trasformazione di società, ovvero all’abbandono dello scopo primario del socialismo, all’abbandono dell’abolizione del lavoro salariato, e, di conseguenza, all’abbandono dell’obiettivo politico di sostituire realmente la società capitalista con la società socialista.

Il socialismo deve puntare all’abolizione del lavoro salariato in modo chiaro, netto. Marx ci ricorda con efficacia che “il salario non è una partecipazione dell’operaio alla merce da lui prodotta. Il salario è quella parte di merce, già preesistente, con la quale il capitalista si compera una determinata quantità di lavoro produttivo. Il lavoro (salariato) è dunque una merce, che il suo possessore, il salariato, vende al capitale. Perché la vende? Per vivere” [2].

Il socialismo non è, quindi, riformismo. Il socialismo non esiste per umanizzare il capitalismo attraverso lo strumento delle riforme. Il ruolo del socialismo non consiste nell’ammorbidire la ferocia del capitale sulla pelle umana e assuefare, così, donne e uomini ai ritmi schiavistici del profitto. Il socialismo è l’alternativa sistemica al capitalismo e si compie nel definitivo superamento del lavoro salariato. O c’è il socialismo oppure c’è il capitalismo. O c’è il lavoro salariato e, quindi, il capitale oppure c’è la liberazione dal lavoro salariato e, quindi, c’è il lavoro libero, comunitario, il lavoro non remunerato, il lavoro non merce: “la condizione essenziale per l'esistenza e per il dominio della borghesia è l'accumulazione della ricchezza nelle mani di privati, la formazione e la moltiplicazione del capitale. La condizione necessaria a creare il capitale è il lavoro salariato”[3]. Questo è il punto e su questo anche Rosa Luxemburg è chiarissima quando afferma che “per la socialdemocrazia la lotta pratica quotidiana…costituisce la sola via per condurre la lotta di classe proletaria e per lavorare in vista dello scopo finale, che è la presa del potere politico e l'abolizione del salariato”[4].

Lavoriamo, quindi, su questo ampio fronte grazie alla nostra militanza costituita da donne e da uomini. Marx diceva che le idee non possono realizzare nulla e che per realizzare le idee c’è bisogno di donne e di uomini che, con la loro azione pratica, trasformano l’idea in realtà. Donne e uomini, lavoratrici e lavoratori, uniti nella lotta e per la lotta al capitale, per la liberazione delle lavoratrici e dei lavoratori dalla schiavitù del salariato. Donne e uomini, militanti, in supporto e in rappresentanza della classe sociale dei lavoratori salariati. Lo scontro è tra classi sociali ed è nella classe del lavoro salariato che donne ed uomini insieme costituiscono l’embrione della comunità socialista.

Le militanti e i militanti di Convergenza Socialista, insieme, fanno molto affidamento sulle donne e sul loro contributo teorico e pratico. Difatti, “non è possibile una rivoluzione socialista, se una grandissima parte delle donne lavoratrici non dà il suo cospicuo apporto”[5]. E ancora, “l’esperienza di tutti i movimenti di liberazione attesta che il successo di una rivoluzione dipende dal grado di partecipazione delle donne”[5]. Dopotutto, il socialismo scientifico, l’azione pratica del socialismo, ha l’obiettivo di trasformare realmente la società debellando il capitalismo, “perché ove esiste il capitalismo, ove si mantiene la proprietà privata della terra, delle fabbriche e delle officine, ove si mantiene il potere del capitale, resta immutata la posizione di privilegio degli uomini”.[6] “La dipendenza della donna dall'uomo e dei figli dai genitori [è] dovuta alla proprietà privata”[7], e su questo fronte dovremo misurarci sostituendo alla proprietà privata la proprietà comune dei mezzi di produzione e di distribuzione della ricchezza.

[1] V. I. Lenin, Che fare?

[2] K. Marx,  Lavoro salariato e capitale

[3] F. Engels, K. Marx,  Il Manifesto del Partito Comunista

[4] R. Luxemburg,  Riforma sociale o rivoluzione?

[5] V. I. Lenin, Discorso al primo congresso delle operaie di tutta la Russia

[6] V. I. Lenin, I compiti del movimento operaio femminile nella Repubblica dei Soviet

[7] F. Engels, Principi del Comunismo

Convergenza Socialista

Partito politico socialista, avanguardia del socialismo scientifico, per il raggiungimento della società socialista.

©2020 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Cerca