Comunicati

Santoro (CS): il socialismo scientifico antidoto contro populismi, riformismi e certa sinistra

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

“Siamo invasi dai populismi, di destra e di sinistra, incluse le sardine. Tutti ovviamente borghesi. Ci troviamo, come Plekhanov, agli inizi di un lungo lavoro di educazione e di organizzazione, come ribadito anche da Marx ed Engels dopo la disfatta della Comune di Parigi. Lavoro che noi abbiamo il coraggio di intraprendere poiché abbiamo un preciso assetto teorico e ideologico” commenta Manuel Santoro, segretario nazionale di Convergenza Socialista.

“Il gruppo dell’Emancipazione del lavoro di Plekhanov è da considerarsi il primo nucleo che si prese la briga di divulgare e diffondere in Russia i lavori di Marx ed Engels, traducendo anche varie opere, in una Russia devastata dall’autocrazia zarista e dalla ingordigia della classe dei proprietari fondiari, da una parte, e dalla propaganda pseudo-socialista dei populisti, dall’altra. Siamo a metà degli anni ’80 del XIX secolo, esattamente nel 1883. Diciassette anni addietro rispetto all'uscita del primo numero dell’Iskra; trentaquattro anni addietro, il doppio, rispetto alla rivoluzione d’ottobre.

I populisti, sedicenti socialisti, al tempo di Plekhanov ritenevano che il capitalismo in Russia fosse un fenomeno casuale, non storico, innaturale, e che tale casualità rendesse la classe lavoratrice, operaia, non sviluppabile quantitativamente e qualitativamente parallelamente allo sviluppo della società capitalista”.

“Siamo anche noi agli inizi di un lungo percorso sulle orme di Plekhanov in quanto forzati a dover iniziare daccapo, poiché non si intravedono, almeno in Italia, nuclei di teoria socialista grazie ai quali poter costruire il corrispondente progetto politico pratico. Si è smesso di discorrere del socialismo scientifico. Si amplifica, invece, il termine sinistra che non ha alcun senso teorico e con ciò si sbaglia strada, ci si confonde, ci si avvicina al burrone del populismo. In più, quello che rimane della confusa sinistra rincorre la moltiplicazione dei pani, ma soprattutto dei pesci, senza capirne il senso e la direzione, succube di azioni altrui, senza una propria autonomia teorico-politica. Ma noi siamo socialisti, anticapitalisti, socialisti scientifici”, conclude Santoro, “e ciò significa che rimane per noi fondamentale 1) fare in modo che lavoratrici e lavoratori prendano coscienza di essere parte della classe sociale dei lavoratori salariati; 2) perseguire la lotta tra classi sociali; 3) trasformare la società da capitalista a socialista; 4) abolire il salariato e, di conseguenza, il capitale”.

Convergenza Socialista

Partito politico socialista, avanguardia del socialismo scientifico, per il raggiungimento della società socialista.

©2020 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Cerca