Comunicati

Regionali. Santoro (CS): in Emilia Romagna si è scelto il meno peggio mentre in Calabria il baratro

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

“Complice, come spesso accade, il ‘voto contro’, in Emilia Romagna vince la destra moderata, quasi-progressista di Bonaccini, il quale fa il pieno grazie al voto utile e all’inettitudine delle forze a sinistra del PD le quali mancano di progettualità e di una strategia per il futuro”, commenta Manuel Santoro, segretario nazionale di Convergenza Socialista. “In Calabria, invece, il centrodestra rafforzato da riposizionamenti occulti ma noti, vince a mani basse. Qui le forze socialiste e comuniste, anticapitaliste, sono assolutamente inesistenti.”

“Di queste elezioni regionali parleranno in tanti ma a me preme rimarcare lo status del campo in cui noi lavoriamo, ovvero quello del socialismo classista. E il primo dato che mi preme condividere è la totale mancanza delle nostre parole d’ordine, delle nostre tematiche, delle nostre soluzioni nella società odierna. La classe lavoratrice, in particolare, sceglie di seguire i propri carnefici, gli sfruttatori che in questi decenni, siano essi della destra moderata, quasi-progressista del PD e soci, siano essi della destra sovranista e populista della Lega e dei FdI, l’hanno costretta ad un impoverimento costante ma inesorabile. Pare che la classe lavoratrice, di cui noi ne siamo l’avanguardia in divenire, non comprenda assolutamente il mondo in cui vive, né tantomeno i propri interessi di classe. E non ci può essere alcuna liberazione dalla povertà, dalla miseria, dallo sfruttamento di chi lavora da parte dei padroni senza una presa di coscienza da parte delle lavoratrici e dei lavoratori. Oramai si discute solo di classe media e dei suoi interessi e mai della classe lavoratrice; classe dimenticata e rimossa volutamente dalla politica e dall’informazione mainstream.”

“Rimane, quindi, essenziale far emergere le divergenze politiche tra chi, come noi, ha l’obiettivo politico di liberare i lavoratori dallo sfruttamento del salariato, spesso esiguo e indecoroso nel capitalismo, e chi continua a sfruttarli promettendo politiche menzognere”, conclude Santoro. “Non è e non sarà un lavoro di breve periodo. Riacquisire una coscienza di classe richiede tanto tempo, ma è l’unica via per l’emancipazione materiale della classe lavoratrice.”

Convergenza Socialista

Partito politico socialista, avanguardia del socialismo scientifico, per il raggiungimento della società socialista.

©2020 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Cerca