Comunicati

Decreto COVID19. Santoro (CS): gli interessi dei padroni non sono gli interessi della classe lavoratrice

Valutazione attuale: 2 / 5

Stella attivaStella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

“Gli interessi del presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, e dei suoi associati, non corrispondono affatto agli interessi delle lavoratrici e dei lavoratori” commenta Manuel Santoro, segretario generale di Convergenza Socialista. “Gli interessi del profitto privato non corrispondono agli interessi della salute, del benessere psico-fisico della classe lavoratrice che noi difendiamo.”

“Dobbiamo, quindi, contrastare sempre e comunque l’arroganza di Confindustria e rivendicare, conquistare, la socializzazione di tutti i mezzi di produzione e di distribuzione della ricchezza. Dobbiamo togliere ai privati, ai capitalisti, i mezzi di produzione. La salute delle lavoratrici e dei lavoratori va di pari passo con la socializzazione dei mezzi di produzione e di distribuzione della ricchezza. Dobbiamo altresì rendere pubblico, al 100%, il sistema bancario e finanziario di questo Paese. Chi lavora per un salario in condizioni difficili ed è dimenticato dalla politica, genuflessa miseramente ai poteri forti, ha sopportato abbastanza ed è ora di dire basta.”

“Noi invitiamo alla massima mobilitazione affinché venga almeno salvaguardata la salute di chi lavora in comparti non ritenuti essenziali e non dovrebbe, quindi, lavorare, ed è costretto invece a lavorare ritrovandosi a rischio contagio”, conclude Santoro. “Su questo fronte l’azione del Governo si sta dimostrando debole e vigliacca, poiché recepita e accettata direttamente dai padroni confindustriali”.

 

 

©2020 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Cerca