Comunicati

Santoro (CS): rispetto a Bonomi, a Zingaretti e alle destre difendiamo interessi diversi

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

“Bonomi e Zingaretti, oltre alle destre becere di questo Paese, non vedono l’ora di impoverire ulteriormente chi è già povero. Sui soldi pubblici e sul MES, la borghesia italiana si sta giocando la partita e sono tutti contro la classe lavoratrice”, commenta Manuel Santoro, segretario generale di Convergenza Socialista. “La solita presa per i fondelli per lavoratrici e lavoratori, per i meno abbienti.” 

“Mentre a Bonomi, Presidente di Confindustria, l’aiuto statale va benissimo e chiede uno stop alla spesa pubblica e contratti nazionali da riscrivere, Zingaretti vuole il MES “senza se e senza ma” perché, testuali parole, “bisogna investire nella sanità”. Il Partito Democratico, storicamente il partito dell’establishment liberista, bancario e finanziario, vuole mettere le mani sui 36-37 miliardi di euro che l’Europa potrebbe prestare all’Italia. Un prestito che, come tutti i prestiti, ha degli interessi associati che qualcuno dovrà ripagare. Vogliamo indovinare chi? Diciamo i soliti noti, le lavoratrici e i lavoratori dipendenti e i pensionati. Quelli che in questo Paese hanno sempre pagato.”

“Quindi, mentre il capo degli industriali non vede l’ora di fermare la spesa pubblica, da un lato, e di ricevere soldi pubblici, dall’altro, il PD vorrebbe finanziare la sanità facendo più debito”, continua Santoro. “Siamo più chiari. Mentre Confindustria non vuole i soldi pubblici per il “pubblico” ma per sé, il PD vuole aprire nuovi debiti, con interessi associati, per finanziarie la sanità (pubblica o privata?). Noi di Convergenza Socialista, invece, pensiamo che i soldi per la sanità, naturalmente solo ed esclusivamente pubblica, debbano essere presi dove stanno i soldi, ovvero dal comparto bancario e finanziario, e, inoltre, proprio dai capitalisti, dagli industriali. Rispetto a Bonomi e Zingaretti, e alle destre, difendiamo interessi diversi. Non quelli della borghesia italiana ma quelli della classe operaia, lavoratrice”, conclude Santoro.

©2022 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Cerca