Comunicati

Santoro (CS): il giornalismo italiano (e non solo) mainstream è in putrefazione

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

“Il Presidente Mattarella ha condiviso oggi un auspicio sul futuro del giornalismo, ovvero che sia sempre ‘vivo, libero, capace di essere espressione della società, e, in questo modo, di concorrere a promuoverne lo sviluppo ’. Al contrario di Mattarella, però, penso che ciò sia impossibile in una società capitalistica e, anzi, sono convinto che il giornalismo italiano mainstream sia in una fase avanzata di putrefazione, esattamente come lo è la società italiana”, commenta Manuel Santoro, segretario generale di Convergenza Socialista.

“Basta vedere la costante genuflessione su Navalny, sempre in prima pagina poiché funzionale agli schemi atlantisti, rispetto al trattamento rivolto ad Assange, che ci ha rivelato invece verità nascoste e scomode, e per questo mai presente nei giornali, nelle agenzie di stampa, nelle televisioni italiane.”  

“Il giornalismo italiano mainstream non è vivo ma è morto e in putrefazione esattamente come lo è la società capitalistica italiana. Il giornalismo italiano mainstream non è libero ma servile alla NATO, ai poteri forti, ai capitalisti occidentali, vittima di un sistema che non vuole e non può spiegare. Schiavi tra gli schiavi, i giornalisti italiani mainstream non dicono affatto la verità agli italiani, ma riportano quello che viene detto loro di riportare. Naturalmente, trattiamo qui del giornalismo italiano mainstream, poiché esistono testate e giornalisti che, invece, riportano la verità ma non hanno gli strumenti per essere di massa. Basta sfogliare un grande giornale, entrare in un sitoweb di punta, ascoltare un telegiornale e ci rendiamo conto con chiarezza delle falsificazioni, delle menzogne, delle volute inesattezze.”

“Questo fenomeno non è, però, solo italiano” conclude Santoro. “Basta andare oltre l’atlantico per comprendere la completa genuflessione dei media mainstream, e della politica, alle multinazionali, alle corporations di qualsiasi tipo. Sino a quando esisterà il capitalismo che guida la politica e l’informazione collusa, non esisterà verità, libertà, che solo il socialismo, invece, potrà dare. L’auspicio del Presidente Mattarella, in definitiva, vive nel socialismo, nella società socialista e non nel capitalismo con le sue diverse peculiarità sovrastrutturali ormai in putrefazione

©2021 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Cerca