Comunicati

Il liberal-liberismo borghese sdogana neonazisti e xenofobia

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

di Maddalena Celano, responsabile esteri

Ha suscitato molte polemiche, in queste ultime settimane, l’uso del termine "denazificazione", da parte del presidente russo Vladimir Putin, additato come una delle ragioni per l'invasione dell'Ucraina. Tuttavia, molti non conoscono l'esistenza di organizzazioni paramilitari, chiaramente neonaziste, e un potere parallelo oscuro, in Ucraina, le cui radici storiche sono rintracciabili sin dalla seconda guerra mondiale e, successivamente, alla Guerra Fredda.

In questo periodo, un importante pilastro della struttura operativa del regime nazista è stato incorporato, in parte, nel Modus Operandi del potere vittorioso anglo-americano nel conflitto, diventando un elemento prominente della strategia egemonica che è stato rafforzato nel preservare, nel secolo XXI, la tirannia della borghesia anglo-americana e la santificazione delle liberalizzazioni economiche.

In una tale strategia, l'Ucraina non è altro che uno strumento usa e getta, simile a ciò che erano le milizie ucraine nazionali del periodo postbellico, creato dal residuo dell'intelligence tedesco che è sopravvissuto al conflitto - l'organizzazione Gehlen - e la sua controparte americana, la nascente CIA (Agenzia Centrale di Intelligence), per contrastare l'allora Unione Sovietica.

In un articolo illuminante del 2018, lo storico deceduto Stephen F. Cohen, professore presso le Università di New York e Princeton e una delle principali autorità accademiche degli affari russi negli Stati Uniti, ha accusato i media americani di nascondere l'accaduto e ha fatto un riassunto della situazione: "Tra le omissioni, poche realtà sono più importanti del ruolo svolto dalle forze neo-fasciste in Ucraina, governate da Kiev e sostenute dagli Stati Uniti dal 2014. (...) gli uomini armati che hanno ucciso dozzine di manifestanti e polizia a Plaza Maidan de Kiev nel febbraio 2014, erano così scatenati a causa della "rivoluzione democratica" che rovesciò il presidente eletto Viktor Yanukovich e che ha messo al potere un regime del tutto corrotto e pro-USA. L'accaduto non era né democratico, né una rivoluzione, ma un golpe violento iniziato nelle strade con supporto ad alto livello - dell'organizzazione neo-fascista (Pravy Sektor) e i suoi co-cospiratori".

La morte dei cittadini russi, identici ai pogrom di Odessa, poco dopo il 2014, porta al ricordo delle squadre di sterminio nazista in Ucraina durante la seconda guerra mondiale, un fatto completamente oscurato dai media occidentali (Odessa era la scena di diversi pogrom contro gli ebrei durante il regime zarista).

Il battaglione Azov, composto da circa 3.000 combattenti ben armati, che ha svolto un ruolo centrale nella guerra civile ucraina ed è ora una componente ufficiale delle forze armate di Kiev, è apertamente neonazista. Nel 2014, il reggimento ha acquisito notorietà dopo che sono apparse accuse di tortura e crimini di guerra, così come membri neonazisti e l'uso del simbolismo nazista, come si vede nel suo logo con il Wolfsangel, uno dei simboli originali usati dal Secondo SS Panzer Division.

I rappresentanti del battaglione Azov affermano che il simbolo è un'abbreviazione dello slogan "Idea nazionale" (Ідея Нації) e negano il collegamento con il nazismo. Successivamente, hanno riconosciuto che tra il 10 e il 20% delle unità erano neonazisti. Nel 2015 e nel 2018, il Congresso degli Stati Uniti ha bloccato gli aiuti militari ad Azov a causa della sua ideologia. I membri del reggimento provengono da 22 paesi e provengono da background diversi. Nel 2017, è stato stimato che il reggimento fosse composto da più di 2.500 membri. Il primo comandante dell'unità fu l'ultranazionalista di estrema destra Andriy Biletsky, che guidava l'Assemblea nazionale sociale neonazista e patriottica dell'Ucraina. All'inizio, Azov era una compagnia di polizia speciale del ministero dell'Interno, guidata da Volodymyr Shpara, leader del ramo dei Patriot ucraini a Kiev, Vasylkiv, e Pravi Sektor. Nel 2016, i veterani del reggimento e i membri di un'organizzazione non governativa chiamata "Azov Civil Corps" hanno formato il partito politico Cos National. L' Ucraina ha deciso di trasformare tutti i battaglioni di volontari, sia i battaglioni di difesa territoriale associati alle forze armate, sia la Special Task Police Patrol del Ministero dell'Interno, in unità regolari appartenenti rispettivamente delle alle Forze armate ucraine e della Guardia Nazionale. Il governo ucraino ha anche scelto di schierare solo unità di volontari sul fronte del Donbass, promettendo che le reclute non sarebbero state inviate a combattere.

Nel gennaio 2015 il Battaglione Azov è diventato ufficiale reggimento e le sue strutture hanno preso forma definitiva. Un centro di mobilitazione e un centro di formazione sono stati istituiti a Kiev, nell'ex complesso industriale "ATEK" per la selezione e l'esame; e il personale, composto da volontari provenienti da tutta l'Ucraina, ha dovuto passare attraverso un processo di selezione e verifica, abbastanza simile alle procedure di mobilitazione dell'esercito.

Le reclute sono state assegnate alle unità di combattimento del reggimento, o unità di supporto e rifornimento, dove conducono un intenso addestramento al combattimento. Le unità per l'eliminazione degli ordigni esplosivi sono considerate l'élite del battaglione Azov e sono gestite dal personale più esperto (di solito le forze speciali dell'esercito ucraino o simili).

Secondo il Daily Telegraph, la politica neonazista del Battaglione Azov e alcuni profili sui social media inglesi hanno attratto combattenti stranieri, tra cui persone provenienti da Brasile, Italia, Regno Unito, Francia, Stati Uniti, Grecia e Scandinavia, Spagna, Slovacchia, Repubblica Ceca e Russia. Il gruppo ha utilizzato Facebook per reclutare persone di estrema destra da altri paesi europei. 

Circa 20 croati si sono uniti al battaglione Azov nel gennaio 2015, di età compresa tra i 20 ei 45 anni.  Dopo che il ministro degli Esteri croato Vesna Pusic ha confermato che c'erano volontari croati in Ucraina, il ministero degli Esteri russo ha invitato la Croazia a ritirare i suoi cittadini dal conflitto armato. Pusić ha risposto che la Croazia si oppone a qualsiasi coinvolgimento dei cittadini croati nella guerra e ha affermato che erano lì di propria iniziativa e che la Croazia stava lavorando per riportarli a casa. Il ministro dell’Interno, Ranko Ostojić, ha affermato che i volontari croati stavano combattendo a fianco del governo ucraino e non stavano commettendo alcun crimine, secondo la legge croata.

Alla fine del 2016, gli investigatori brasiliani hanno scoperto un presunto complotto per reclutare attivisti di estrema destra brasiliani. Anche i membri del gruppo terroristico neonazista statunitense Atomwaffen Division si unirono al battaglione Azov. 
In base agli accordi per il cessate il fuoco di Minsk, i combattenti stranieri non possono prestare servizio nell'esercito ucraino.  Nonostante gli accordi di cessate il fuoco di Minsk, il reggimento ha ancora combattenti stranieri, tra cui un ex militare britannico, Chris Garrett, e un ex soldato di 33 anni dell'esercito greco e della Legione Straniera francese noto con il nome de "Il Greco". 

Nel settembre 2016, il fondatore del battaglione Azov ed ex comandante Andriy Biletsky si è candidato come leader di un nuovo partito politico. All'inizio di ottobre 2016, Biletsky dichiarò che il nuovo partito non avrebbe usato nomi o simboli del battaglione Azov. Il 14 ottobre 2016, questo partito politico chiamato Corpo Nazionale ("Natsionalnyi Korpus") ha tenuto il suo primo congresso.  Lì, i delegati scelsero Biletsky per guidare il partito per i prossimi quattro anni. Il Corpo Nazionale si basa sull'organizzazione sociale nazionalista "Patriot of Ukraine", che era già stata registrata dal Ministero della Giustizia.

Il partito sostiene l'espansione dei poteri del presidente dell'Ucraina dandogli l'autorità di essere il comandante in capo delle forze armate ucraine e il capo del governo. Il Corpo nazionale è favorevole al ripristino dell’energia nucleare in Ucraina e alla nazionalizzazione delle vecchie imprese di proprietà del governo, quelle fondate dal 1991 in poi.  

Il partito vuole che l'Ucraina interrompa tutti i legami con la Russia (legami diplomatici, commerciali e culturali). Il partito sostiene l'estensione del diritto di portare armi e l'avvio di un dibattito pubblico sul ripristino della pena di morte, in Ucraina, per tradimento e appropriazione indebita di fondi governativi da parte di funzionari, in quantità eccessive. 

Noi di Convergenza Socialista denunciamo lo sdoganamento, per scopi e attività imperialistiche, di ideologie e movimenti politici basati ideologicamente e culturalmente sulla violazione dei diritti umani più basilari, su razzismo, xenofobia, nazionalismo-militarista e culto delle armi. Denunciamo, all' opinione pubblica mondiale, il pericolo costante rappresentato da queste organizzazioni violente e mortifere, strumentalizzate dall' imperialismo internazionale e dalla borghesia in funzione reazionaria e regressiva, contro le lavoratrici e i lavoratori.

Convergenza Socialista

Partito politico socialista, avanguardia del socialismo scientifico, per il raggiungimento della società socialista.

©2022 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Cerca