Comunicati

Gorbaciov: addio all’ultimo dei traditori del popolo sovietico

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il partito marxista-leninista, Convergenza Socialista, ha sempre considerato Gorbaciov come l’ultimo dei traditori dell’Unione Sovietica e del popolo sovietico. Quinta colonna del capitalismo, aperto revisionista e opportunista, agente della borghesia atlantista dentro il movimento operaio sovietico, legato a doppio filo con il grande capitale monopolistico, imperialista, Gorbaciov ha di fatto concluso il percorso controrivoluzionario avviato da Krusciov.

Dopotutto, non è un caso che tutti, proprio tutti, i politici atlantisti, al servizio dell’imperialismo atlantista stiano inondando i social networks in queste ore con accorati saluti e addii; dai burocrati della NATO e dell’Unione Europea delle banche, della finanza e delle armi, ai politici a casa nostra ad iniziare dal Partito Democratico e dal suo segretario.

Emarginato in patria e osannato fuori nel mondo “occidentale”, come tanti personaggi in cerca d’autore in tempi più recenti, Navalny prima tra tutti, Gorbaciov ha lasciato macerie avviando una slavina sociale che ha portato alla morte ben 18 milioni di persone nei paesi dell’Est, di cui 12 milioni in Russia. Un abnorme aumento della mortalità iniziata con la fine dell’Unione Sovietica e durata per moltissimi anni, per tutto il periodo di transizione dal socialismo al capitalismo selvaggio. Mortalità legata soprattutto a disoccupazione, precarietà, disuguaglianze.

Di Gorbaciov non ne sentiremo la mancanza.

Convergenza Socialista

©2022 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Cerca