Comunicati

Anche il Governo Meloni tradisce gli operai, i lavoratori salariati

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Come volevasi dimostrare, il governo Meloni tradisce i lavoratori salariati, gli operai, e coloro che, senza occupazione, avevano sperato in un cambio di passo nelle politiche del lavoro di fatto sempre più schiavistiche, e abbraccia affettuosamente il lavoro autonomo, le imprese, Confindustria. Come tutti i precedenti governi borghesi, ovvero forte con i deboli e debole con i forti, il governo Meloni tradisce i lavoratori. Esattamente come ci si aspettava.

Convergenza Socialista ha sempre detto e spiegato che le politiche sociali sarebbero state in continuità con il governo Draghi e con i governi precedenti, poiché immutato è lo scopo dei rappresentanti in politica della classe sociale capitalistica: la sottomissione e la schiavizzazione delle operaie e degli operai, delle lavoratrici e dei lavoratori salariati. Dopotutto, più bassi sono i salari dei lavoratori, più alti sono i profitti dei padroni.  

Prendiamo, per esempio, il salario minimo. Il governo Meloni ha deciso di cancellare qualsiasi ipotesi di salario minimo e seppur le proposte avanzate fossero da fame, almeno vi era una prospettiva meno schiavistica per i lavoratori. Naturalmente, oltre al centrodestra e ai liberisti del terzo polo, la bocciatura del salario minimo era stata avanzata da Confindustria e dai sindacati borghesi, questi ultimi in perfetta sintonia con la classe dominante. I lavoratori salariati devono capire chi sono i loro nemici di classe, ed iniziare a combatterli. Non parliamo poi dei lavoratori fragili. Ora si accorgono di essere stati presi in giro e si lamentano per le promesse che non verranno mantenute dal governo Meloni.

La classe operaia è in crisi nera. Le operaie e gli operai continuano a sopportare inermi, senza coscienza, la propria schiavitù in questa società capitalistica che li rende merce. La situazione sociale ed economica italiana peggiora mentre il governo Meloni spende tantissimi soldi per le armi in Ucraina. In completa continuità con il governo del banchiere Draghi, Meloni persegue la stessa agenda di impoverimento degli operai e dei lavoratori salariati, di allargamento delle diseguaglianze tra classi sociali, di arricchimento di chi è già ricco e sfrutta con maggiore ferocia il lavoro salariato. Tutto ciò all’interno di un quadro di crisi energetica senza precedenti, da un aumento delle bollette del gas e dell’energia che sta tagliando le gambe a lavoratori e famiglie.

Le proposte di Convergenza Socialista sono diametralmente opposte al piano sul lavoro del governo Meloni.

Nel nostro programma immediato del partito, riportiamo ciò che i lavoratori richiedono immediatamente:

  • Aumento sostenuto del salario, dello stipendio, della retribuzione netta;
  • Riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario iniziando dalle 30 ore settimanali;  
  • Azzeramento della disparità salariale a parità di mansione lavorativa/monte ore;
  • Riduzione dell’età pensionabile - a 60 anni per operaie e operai.

Questo è il programma immediato del partito della Convergenza Socialista che risponde a necessità, richieste immediate delle lavoratrici e dei lavoratori salariati, delle operaie e degli operai.

Al programma immediato, segue il nostro programma minimo, sempre nell’interesse materiale della classe operaia, lavoratrice salariata.

Programma minimo del partito. I lavoratori richiedono:

  • La cassa integrazione deve essere garantita a tutte le lavoratrici e i lavoratori in difficoltà;
  • Nessun lavoratore deve rimanere fuori dal lavoro poiché una lavoratrice oppure un lavoratore licenziato significa mettere in grave difficoltà una intera famiglia;
  • Le lavoratrici e i lavoratori salariati, le operaie e gli operai devono essere parte fondamentale della gestione aziendale;
  • Sosteniamo concretamente lavoratrici e lavoratori puntando su tutti gli strumenti che lo Stato deve garantire gratuitamente proprio per evitare periodi di disoccupazione: istruzione, formazione di base, inserimento al lavoro, riqualificazione;
  • Abolizione della Fornero e aumento sostanziale della pensione;
  • Elaborazione di un piano industriale quinquennale ecologicamente compatibile;
  • Togliamo dalle mani dei privati tutto quello che è di pubblica utilità: il sistema bancario, la grande industria, le risorse naturali, beni e servizi di base: sanità, istruzione, elettricità, gas, acqua, ambiente, ecc;
  • Equiparazione dei salari/stipendi dei parlamentari e di qualsiasi funzionario delle istituzioni rappresentative al salario medio della classe operaia.

 

Convergenza Socialista, per l’emancipazione reale delle operaie e degli operai  

Convergenza Socialista

Partito politico socialista, avanguardia del socialismo scientifico, per il raggiungimento della società socialista.

©2023 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Cerca