Comunicati

Incontro presso l’Ambasciata di Cuba a Roma

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Martedì 17, una delegazione di Convergenza Socialista è stata accolta dall’Ambasciatrice Mirta Granda Averhoff, presso l’Ambasciata di Cuba a Roma.

Ringraziamo di cuore l’ambasciatrice per l’ospitalità e la proficua chiacchierata.

Delegazione del partito:
Maria Araneo, vice-tesoriera nazionale
Maddalena Celano, responsabile esteri 
Tomas Silvera, organizzazione 
Manuel Santoro, segretario generale

Cenni sull'unità d'azione marxista-leninista

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

di Manuel Santoro

Il partito marxista-leninista, Convergenza Socialista, è consapevole del fatto che l’unità sia un obiettivo da raggiungere e come ciò costituisca una iniziativa importate. Ma ciò non basta. L’unità è sicuramente un processo che richiede tempo ma è bene, diremmo doveroso, impostare qualsiasi unità oppure convergenza su precisi principi teorici che non possono essere messi da parte solo per non compromettere il processo unitario. Senza una impostazione teorica precisa, definita e condivisa, qualsiasi tentativo sarebbe velleitario. Cerchiamo qui di indicare ciò che ci pare la retta via per costruire le basi, le prime pietre, di una possibile unità.

77 anni dopo la vittoria Sovietica e la sconfitta della Germania nazista

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Dichiarazione internazionale dei partiti comunisti e delle forze antimperialistiche

Questo 9 maggio ricorre il 77° anniversario della resa del maresciallo tedesco Keitel al maresciallo dell'Armata Rossa Georgy Zhukov e ad altri generali sovietici. Così si certificava che il mondo era stato salvato dal nazismo. Ecco perché i sottoscritti partiti e organizzazioni politiche rendono omaggio a tutti coloro che hanno reso possibile quella vittoria per l'umanità. Soprattutto al popolo sovietico e ai suoi soviet, al suo governo socialista guidato da Joseph Stalin, al suo partito PCUS e alla sua Armata Rossa.

Il socialismo, oltre l’imperialismo

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

di Manuel Santoro

Una delle motivazioni per cui tanti assalti al cielo sono falliti nel tempo, e tutt’ora falliscono, è nell’incapacità oppure nella mancanza di volontà politica di demolire e, successivamente, sostituire la macchina statale borghese con la macchina statale socialista. Il socialismo, in quanto prima fase della società comunista, ha una definizione precisa, ovvero, è quella società che emerge dal capitalismo, con tutte le sue ingiustizie, inefficienze, storture e iniquità, e in cui tutti i mezzi di produzione sono di proprietà comune. E la società, in termini generici, è un complesso di rapporti sociali di produzione e “ognuno di questi complessi caratterizza, nello stesso tempo, un particolare stadio di sviluppo nella storia dell’umanità.” [1]

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Intervista di Tristan Pennell, tenuta Martedì 26 aprile 2022.

Intervista in inglese, sulle seguenti domande tradotte da noi in italiano:

  1. La salita al potere di Stalin e le successive cospirazioni/tentativi per rimuoverlo con falsità degli scritti di Lenin
  2. La realtà della collettivizzazione: come fosse effettivamente una reale riforma che ha portato ad un sostanziale miglioramento delle condizioni di vita dei contadini, sicurezza alimentare per il paese, e ha anche consentito una rapida industrializzazione

Le fabbriche alle operaie e agli operai

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Manuel Santoro

La direzione politica di un partito marxista-leninista quale Convergenza Socialista, necessariamente sorge in modo naturale dall’impostazione teorica, e tale impostazione teorica è il socialismo scientifico, il marxismo-leninismo preciso, con l’obiettivo pratico di “conquistare” la società socialista e instaurare la dittatura del proletariato. Su questa chiara base teorica, la lotta pratica ha come mandato e obiettivo “le fabbriche alle operaie e agli operai”. Le fabbriche, le industrie, le manifatture, le officine, gli stabilimenti, gli opifici devono essere in mano alla classe operaia.

Chi pagherà la ricostruzione dell’Ucraina? Noi, lavoratori e pensionati

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Il partito marxista-leninista, Convergenza Socialista, condanna per l’ennesima volta le politiche nefaste dell’Unione Europea, e non solo sulla questione ucraina. E’ emersa, infatti, la notizia che sarà l’Unione Europea delle banche, della finanza e delle armi, a pagare la maggior parte dei costi di ricostruzione dell’Ucraina. E, quindi, la prima domanda sorge spontanea.

©2022 Your Company. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper

Cerca